Corso di Laurea Magistrale in
Scienze Ambientali (classe LM-75)

STRUTTURA DEL CORSO

Il Corso di laurea di secondo livello in Scienze Ambientali ha durata biennale (per un totale di 120 CFU), prevede 11 esami e una prova finale di discussione della Tesi di Laurea.

L'organizzazione didattica è articolata in semestri.

Il Corso ha una buona connotazione applicativa, grazie ad un'approfondita attività didattica di laboratorio e di campo.

PIANO DI STUDI

1. anno: 51 CFU (6 insegnamenti)
2° anno: 39 CFU (5 insegnamenti)

Alle conoscenze extrauniversitarie sono attribuiti 6 CFU.
Alle attività (obbligatorie) di tirocinio sono attribuiti 6 CFU.
Alla prova finale sono attribuiti 18 CFU.

AREE DI AFFERENZA DEGLI INSEGNAMENTI

Gli insegnamenti fondamentali, che costituiscono il piano di studi, afferiscono alle seguenti aree disciplinari: chimica (1), geologia (3), biologia ed ecologia (3), tecnico-gestionale e valutativa (2).
I due insegnamenti a scelta consentono di approfondire specifici percorsi culturali nell’ambito delle aree disciplinari della chimica, geologia, biologia ed ecologia.

OBIETTIVI QUALIFICANTI

L’obiettivo del corso è la formazione di figure professionali e scientifiche dotate di una cultura interdisciplinare e sistemica, necessaria per lo studio analitico e modellistico di strutture, processi e problemi complessi come quelli ambientali, sia terrestri che marini.
Pertanto, il laureato magistrale sarà in grado sia di intervenire nella progettazione, nella realizzazione e nella gestione delle soluzioni per affrontare le emergenze ambientali, sia di contribuire allo sviluppo e all’innovazione scientifica e tecnologica in campo ambientale, sia di interagire con altre figure professionali e scientifiche che operano nell’ambito dei diversi settori applicativi.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI

Il laureato magistrale sarà in grado di esprimere una professionalità caratterizzata da una visione di sintesi interdisciplinare e sistemica dei problemi ambientali, orientata alla sostenibilità ambientale ed allo sviluppo sociale ed economico della popolazione.
In particolare, i laureati avranno competenze per svolgere attività di:
- Studio analitico e modellistico di ecosistemi naturali ed antropizzati;
- Tutela e gestione delle aree naturali protette;
- Progettazione e gestione di interventi di monitoraggio di ambienti marini e terrestri;
- Pianificazione di attività orientate allo sviluppo sostenibile delle matrici territoriali;
- Valutazione degli impatti, risanamento e certificazione ambientale.

Il laureato magistrale in Scienze Ambientali, infine, può trovare collocazione professionale nelle Scuole, nelle Università, nei Centri di Ricerca pubblici e privati, nelle Agenzie pubbliche di analisi prevenzione e controllo ambientale, negli Enti gestori di aree naturali protette e negli studi professionali di progettazione e pianificazione del territorio.