Organizzazione del Dipartimento

Struttura organizzativa del sistema AQ



Il sistema di AQ del DiST vede coinvolti i seguenti soggetti:
1. Direttore del Dipartimento
2. La Giunta di Dipartimento
3. Consiglio di Dipartimento (CdD)
4. Delegato presso il Presidio di Qualità di Ateneo
5. La Commissione Ricerca e Terza Missione (CR3M)

In aggiunta a tali organi sono presenti in dipartimento gli organi per l'assicurazione della qualità della didattica:
1. Consigli di Corsi di Studio (CdS)
2. Commissioni Paritetiche Docenti Studenti (CPDS)
3. Gruppi AQ dei CdS (AQCdS)

Per quanto concerne il sistema di qualità della ricerca e della terza missione, particolarmente coinvolti sono il CDD, il CR3M il Delegato presso il Presidio di Qualità, il Referente Dipartimentale del Catalogo IRIS, il Referente per la Internazionalizzazione.


Il Direttore nell'ambito delle competenze conferitegli dallo Statuto, promuove l'attenzione alla qualità della ricerca e alle sue direzioni interdisciplinari, sollecitando la Giunta e il Consiglio di Dipartimento (CdD) ad assumere delibere coerenti con tali obiettivi. In particolare, il Direttore:
- presenta al CdD la proposta del piano triennale di sviluppo della ricerca e della didattica;
- presenta al CdD una relazione annuale sull'andamento delle attività didattiche e di ricerca sulla base di quanto predisposto dai Consigli dei corsi di studio;
- presenta e sottoscrive progetti di ricerca, previa delibera del CdD;
- predispone, coadiuvato dal Segretario Amministrativo, e presenta al Consiglio di Amministrazione, al Senato Accademico e al Nucleo di Valutazione una relazione annuale sull'attività di ricerca, didattica e amministrativa svolta dal Dipartimento;
- propone il piano annuale delle ricerche del Dipartimento e l'eventuale organizzazione di centri di studio e laboratori, anche in comune con altri Dipartimenti dell'Università di Napoli Parthenope, di altre Università italiane o straniere o con altre istituzioni scientifiche, nonché predispone i relativi necessari strumenti organizzativi ed eventualmente promuove convenzioni tra l'Università e gli Enti interessati.
Con specifico riferimento al sistema di assicurazione della qualità della ricerca del Dipartimento, il Direttore ha il compito di:
- assicurare la conformità della stessa ai requisiti applicabili e la sua funzionalità agli obiettivi di miglioramento;
- garantire che eventuali cambiamenti emersi dal rapporto di riesame siano gestiti in modo controllato e che le integrità del sistema siano mantenute nella fase di cambiamento.

Il CdD è composto da tutti i professori di ruolo ed i ricercatori, anche a tempo determinato, afferenti al Dipartimento; da una rappresentanza degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea e di Dottorato che afferiscono al Dipartimento e da una rappresentanza del PTA assegnato alla struttura.
In relazione alla Ricerca, il CdD ha i seguenti compiti:
- promuovere e coordinare le attività di ricerca nel rispetto dell'autonomia di ogni singolo professore e ricercatore e del suo diritto di accedere direttamente ai finanziamenti per la ricerca, ove non partecipi a programmi di ricerca comuni;
- promuovere e coordinare le attività relative ai dottorati di ricerca;
- promuovere e coordinare l'internazionalizzazione della ricerca e dell'offerta formativa;
- gestire i fondi destinati alla ricerca ed allo svolgimento delle attività didattiche nel rispetto del Regolamenti di Ateneo di Amministrazione, Finanza e Contabilità;
- formulare le proposte al Rettore riguardanti la programmazione triennale di Ateneo, la programmazione finanziaria annuale e triennale e la programmazione del personale tecnico e amministrativo;
- autorizzare il Direttore alla presentazione e sottoscrizione di programmi e progetti di ricerca e della eventuale richiesta al Rettore della delega alla sottoscrizione degli stessi;
- approvare la relazione annuale sulle attività di ricerca, la didattica e l'attività amministrativa svoltasi nel Dipartimento da presentare al Consiglio di amministrazione, al Senato accademico e al Nucleo di valutazione;
- deliberare l'attivazione e la disattivazione delle Sezioni;
- deliberare l'attivazione e disattivazione dei Laboratori.

Con specifico riferimento alla pianificazione del sistema di assicurazione della qualità della ricerca del Dipartimento, il CdD si assicura che gli obiettivi individuati per la qualità siano:
- comprensibili;
- misurabili;
- coerenti con la politica della qualità di Ateneo;
- assegnati in maniera adeguata ai livelli e in funzione dell'organizzazione dipartimentale.

La Giunta di Dipartimento coadiuva il Direttore nell'esercizio delle sue funzioni istituzionali. Può esercitare funzioni deliberative, su delega del Consiglio di Dipartimento.
La Giunta è composta dal Direttore, che la convoca e la presiede, dal Vicedirettore, da una rappresentanza, nel numero di cinque unità, dei professori, dei ricercatori e del personale tecnico-amministrativo.
Sono inoltre componenti di diritto della Giunta i Responsabili delle Sezioni, qualora istituite, e i Presidenti dei Consigli di corso di studio afferenti al Dipartimento.

La Commissione Ricerca e Terza Missione del DiST (nel seguito "CR3M") è composta da: tre docenti, un ricercatore, un rappresentante del personale tecnico-amministrativo, un rappresentante degli assegnisti di ricerca e dei dottorandi. La CR3M ha le seguenti funzioni istruttorie:
- propone, con la collaborazione dei membri del Dipartimento, il piano di sviluppo triennale della ricerca;
- raccoglie i risultati di valutazione dell'attività di ricerca del Dipartimento secondo i parametri di valutazione utilizzati in ambito nazionale e internazionale ed inoltre svolge un'azione di monitoraggio interno della ricerca del Dipartimento e ne redige una relazione con cadenza almeno annuale;
- propone l'allocazione delle risorse finanziarie per promuovere l'attività di ricerca del Dipartimento;
- propone azioni incentivanti l'attività di ricerca di neo-laureati, dottorandi, assegnisti;
- promuove lo sviluppo, la gestione e i criteri di valutazione del Dottorato di ricerca;
- svolge azione di monitoraggio e coordinamento della partecipazione a progetti nazionali e internazionali (ad esempio: Regione, Ministero dell'Università e della Ricerca, Unione Europea .).

La nuova CR3M del DIST è stata nominata ad aprile 2018 e ha svolto diverse attività nell'ambito di incontri periodici che sono stati regolarmente verbalizzati. La CR3M è costituita da:
- Prof. Pierpaolo FALCO (SSD GEO/12), referente
- Prof. Sergio ULGIATI (SSD CHIM/12)
- Prof. Angelo CIARAMELLA (SSD INF/01)
- Prof. Antonino STAIANO (SSD INF/01)
- Dott.ssa Immacolata ROMAGNUOLO (PTA)
- Dr.ssa Anna INNAC (Rappresentanti Assegnisti di Ricerca)
- Dr. Luigi MARZIANI (Rappresentante Dottorandi)


Nel breve periodo intercorso dalla costituzione, la CR3M ha frequentemente interagito con il Direttore di Dipartimento, con il delegato per l'Assicurazione della Qualità del DiST (Prof. S. Gaglione), con il Delegato per l'Internazionalizzazione (Prof. P. Franzese) e con il Delegato di Ateneo per la gestione del Catalogo della Ricerca (Prof.ssa P. Di Donato) insieme al Referente di Dipartimento (Prof. A. Staiano).
La CR3M ha prodotto una puntuale azione di monitoraggio delle performance del DiST al fine di evidenziare punti di forza e di criticità in relazione agli obiettivi e agli indicatori definiti in precedenza. Tali risultati costituiranno la base per la definizione delle linee di azione del un nuovo piano di sviluppo del dipartimento nel contesto del piano strategico di ateneo.
La Commissione Spazi è stata istituita nell'aprile 2018 e ha i seguenti compiti:
- avere sempre un quadro aggiornato dell'allocazione degli spazi del Dipartimento;
- proporre eventuali variazioni nella distribuzione degli spazi (studi, laboratori, etc.), per compensare le fisiologiche esigenze all'interno del Dipartimento e garantire il massimo equilibrio;
- valutare eventuali richieste provenienti dall'interno del Dipartimento ed istruire ipotesi operative conseguenti.
Attualmente la commissione ha svolto unicamente una attività conoscitiva.

COMPOSIZIONE DEI VARI ORGANI