Dipartimento

Presentazione del Dipartimento

Preside Facolta Scienze e Tecnologie Universita Parthenope  Prof. Raffaele Santamaria

A seguito della riforma universitaria prevista dalla legge 240/10 e recepita dall'Ateneo nel nuovo Statuto, i dipartimenti dell'Università degli Studi di Napoli "Parthenope" sono stati riorganizzati.

I Dipartimenti sono le strutture organizzative fondamentali per lo svolgimento della ricerca scientifica, delle attività didattiche e formative, per il trasferimento delle conoscenze e dell'innovazione.

I nuovi Dipartimenti differiscono dai precedenti per le competenze più ampie e per il numero dei loro componenti.

Il Dipartimento di Scienze e Tecnologie nasce dalla fusione dei precedenti Dipartimenti di Scienze Applicate e di Scienze per l’Ambiente e di fatto si sostituisce alla preesistente e prestigiosa Facoltà di Scienze e Tecnologie, le cui origini risalgono al 1919 anno di fondazione dell'Università degli Studi di Napoli " Parthenope ".

Fin dal suo primo anno accademico, il 1920/21, l'Ateneo non ha mai interrotto il profondo legame con la realtà economica, sociale e culturale del territorio, adeguandosi sistematicamente ai mutamenti che man mano intervenivano, al fine di offrire itinerari formativi massimamente rispondenti alle esigenze via via emergenti.

Così la Facoltà di Scienze e Tecnologie , che conserverà la propria antica denominazione di Scienze Nautiche fino al 2003, oltre ad approfondire lo studio delle scienze e tecnologie nautiche ed aeronautiche, estende il proprio campo d'interesse scientifico a tematiche di crescente rilievo sociale, quali quelle ambientali, alle scienze e tecnologie informatiche a quelle delle scienze biologiche , approdando così alla denominazione di Facoltà di Scienze e Tecnologie ed attualmente a quella di Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dal mese di Settembre 2007 il Dipartimento ha finalmente visto l'insediamento presso la nuova sede al Centro Direzionale di Napoli isola C4. La struttura, progettata e realizzata come sede universitaria, è moderna e pienamente rispondente alle esigenze di un Dipartimento a vocazione scientifica e tecnologica.

Il progetto didattico del Dipartimento di Scienze e Tecnologie conserva gran parte dell’offerta formativa della Facoltà di Scienze e Tecnologie.

La stretta continuità dell’offerta è testimoniata dal mantenimento delle attuali denominazioni dei corsi di studio, anche in considerazione del successo degli stessi sia nell’attrattività sia nella collocazione lavorativa dei laureati.

La presenza dei corsi di studi nell’offerta formativa del Dipartimento di Scienze e Tecnologie consente di ampliare il contributo dei settori culturali e delle loro specificità applicative alla definizione dei percorsi formativi.

L'offerta formativa proposta è vasta e presenta discipline assai diverse tra loro per metodi ed oggetti.

Nel rispetto della nuova riforma degli ordinamenti universitari (DM 270e DM47) tutti i corsi di laurea attivati dalla Facoltà prevedono il numero massimo di 20 esami per quelli di I livello e di 12 esami per le lauree magistrali; accanto ad un ordine di studi già consolidato, gli studenti troveranno percorsi formativi rinnovati, per un'offerta didattica complessiva di tre corsi di laurea di I livello e due lauree magistrali.

A partire dall'anno accademico 2009/10 è stato attivato il Corso di Laurea di I livello in Scienze Biologiche.
Master di I e di II livello unitamente a Dottorati di ricerca , completano ed arricchiscono la preparazione professionale.

L'opportunità data dalla nuova riforma, di completare il percorso formativo in minor tempo ed assicurare una formazione professionale di qualità in soli tre anni, traspare in un'accurata revisione dei contenuti degli insegnamenti, orientati ad una migliore organizzazione didattica, eliminando sovrapposizioni e duplicazioni.

L'obbiettivo è di migliorare efficienza e qualità dell'insegnamento e di guadagnare al contempo in interesse e produttività. Di certo un beneficio immediato si registrerà in un'azione di migliore raccordo tra corsi di laurea di primo livello e le lauree magistrali.

All'apprendimento in aula, in cui si approfondiscono gli aspetti teorici sia delle discipline scientifiche di base e caratterizzanti, sia di quelle applicative, gli studenti aggiungono attività pratiche e sperimentali, quali stage, tirocini e tesi presso numerose aziende ed enti formalmente convenzionati. L'impegno è quello di offrire conoscenze aggiornate e più adeguate rispetto alle nuove esigenze della vita sociale, ma soprattutto un'esperienza formativa stimolante.

In tal senso il rapporto particolarmente privilegiato tra i docenti e studenti, da sempre punto di forza della passata Facoltà ed oggi Dipartimento, consente una formazione culturale e professionale certamente sistematica, equilibrata e coerente con le attese del mercato del lavoro.

Le dimensioni favoriscono un rapporto ottimale fra docenti e studenti e un'elevata qualità dei servizi consentendo spesso percorsi formativi quasi personalizzati.
Tipicamente, gli studenti di Scienze e Tecnologie passano molte ore nelle strutture del dipartimento: lo scambio di idee con i colleghi, la discussione su temi affrontati a lezione , insieme all'impegno previsto per la didattica frontale, rappresentano insieme il modo più efficiente e produttivo di "vivere" l'Università.

Invero la permanenza nell'Università a tempo pieno contribuisce non solo alla crescita personale, ma rappresenta un fase di completamento della delicata formazione della propria personalità, ed è proprio durante il percorso universitario che si formano le basi per il proprio futuro privato e professionale.

Per questo il Dipartimento , ben consapevole del proprio ruolo e delle proprie responsabilità, cura con attenzione la qualità della didattica e dei servizi, mettendo a disposizione dei propri studenti strutture adeguate al numero degli iscritti ed ampie aree di studio interne ed esterne. Aule completamente attrezzate, aule informatiche di ultima generazione e moderni laboratori dotati di importanti attrezzature scientifiche vedono gli studenti partecipi ed attivamente coinvolti in attività di formazione avanzata.

Recentemente è stato inaugurato un moderno ed attrezzato laboratorio di simulazione di navigazione e di manovra e sono state potenziate le attività on line con disponibilità di un servizio centralizzato di web-learning su piattaforma open-source Moodle.

Gli studenti del Dipartimento di Scienze e Tecnologie acquisiscono un titolo accademico e una preparazione professionale rapidamente spendibili nel mondo del lavoro con ampi sbocchi occupazionali in settori strategici.

Il Dipartimento di Scienze e Tecnologie ha investito, inoltre, negli ultimi tempi una parte considerevole dei suoi sforzi verso i processi di internazionalizzazione.

Per il triennio 2010-2013, per il settore "Scienze Ambientali" e Sviluppo Sostenibile è stata assegnata al Dipartimento la prestigiosa cattedra Fulbright, che viene assegnata ogni anno (e per la durata di un triennio rinnovabile) a tre sole Università italiane.

La Commissione per gli Scambi Culturali tra l'Italia e gli Stati Uniti ha selezionato infatti l'Università Parthenope, insieme al Politecnico di Torino e all'Università di Trieste, per l'assegnazione della Distinguished Fulbright Chair.
In base a questo accordo, la Parthenope ospiterà ogni anno un docente statunitense di grande rilievo scientifico.

Con la stipula di questa prestigiosa Convenzione, l'Università Parthenope completa una serie di importanti recenti accordi internazionali che la vedono impegnata, oltre che negli Stati Uniti, anche in Europa (con programmi Erasmus, collaborazioni bilaterali, e progetti di ricerca della Commis-sione Europea), in Asia (in particolare con accordi di collaborazione con numerose Università Cinesi), in America Latina (in particolare, con il programma europeo ALFA-SUPPORT, per collaborazione formativa e di ricerca tra Europa e America Latina, coordinato dall'Università Parthenope).

Il Direttore Prof.
Raffaele Santamaria